venerdì 16 novembre 2012

PROGRAMMA DI SOCIALIZZAZIONE INTRASPECIFICA - INTERSPECIFICA - AMBIENTALE





In questo periodo sto lavorando sulla cucciolata dell'

Allevamento Honeydark-labradors di Alessia Giulia Aleppo di Cremona.

Quando lavoro con i cani e i cuccioli, mi vengo spesso in mente i Lupi. Liberi di fare le loro esperienze, senza nessuno che si occupi di loro se non Madre Natura. Ed è proprio lei che fornisce tutti i mezzi necessari per consentirgli di affinare, le loro capacità.

Che cosa cerco di fare con il mio lavoro?
Cerco di imitare Madre Natura, fornendo ai cuccioli, in base all'età basata sulla settimana di vita (periodi sensibili) piccole difficoltà, piccoli ostacoli da superare, andando in modo progressivo.
Questo mi permette, oltre di stimolare il cucciolo a livello mentale, anche di osservare il suo carattere, le sue attitudini, i suoi punti di forza da quelli deboli. Permettendomi così di capire "chi è quel cucciolo".

Guardo con occhio curioso, ogni cucciolo che incontro, cerco di cogliere in lui, quelle sfumature legate al suo antenato, e sono proprio in questi momenti in cui mi vengono in mente i lupacchiotti vispi, allegri liberi di muoversi, di esplorare, non posso far a meno di pensare, che loro se la cavano molto meglio dei nostri. Loro non utilizzano pedane sospese, perché hanno  a disposizione tronchi di alberi abbattuti dal vento oppure rotoballe, trovate nei campi agricoli. Non avranno neanche bisogno dei bocconcini per  stimolare il loro fiuto, perché la Natura offre odori molto più stimolanti, come quello del topolino, della talpa e a qualsiasi cosa nascosta tra i fili d'erba oppure sotto terra. Come non avranno bisogno di superfici artificiali per stimolare i loro plantari, perché il suolo naturale dei boschi e delle campagna donerà loro una palestra infinita, ricca di ogni stimolazione tattile, dall'erba fresca, alla pungente paglia, ai sassi, alla terra umida o arida e moltissimo altro ancora, dove non solo impareranno la durezza o la morbidezza di una superficie, ma attiveranno anche la muscolatura, affileranno le unghie, useranno l'olfatto, tutti i "sensi" verranno chiamati in causa per imparare a sopravvivere nel mondo.

Ma cosa succede in Natura? 
In Natura Mamma Lupa, porta all'esterno della tana i cuccioli, intorno alle 8 settimane di vita, ma prima di far ciò si assicura che tutto sia a posto.
Non lascia nulla al caso. Non esporrà mai i suoi piccoli a possibili pericoli, si accerterà sempre che le condizioni metereologiche siano favorevoli, che non vi siano possibili predatori, sceglierà anche i membri del branco, che entreranno in contatto con i cuccioli per aiutarla a crescerli nell'inserimento nel branco. Attraverso il gioco impareranno i ruoli gerarchici, la caccia. Elementi essenziali per la loro sopravvivenza in un mondo molto più ostile di quanto noi possiamo immaginare.
Passaggi naturali, che molto spesso negli allevamenti non vengono tenuti in considerazione. 
Uno dei grossi errori che un allevatore può fare è proprio quello di privare il cucciolo, dalla presenza della madre, o di chi ne potrebbe fare le veci.
Un cucciolo quando nasce non sa che cos'è, l'ho impara attraverso la relazione con i fratelli, la madre e i soggetti adulti.
Infatti il cucciolo prende coscienza di sè intorno alle 3 settimane di vita, quando inizia a muoversi e inizia a relazionare con i propri simili.
Questo passaggio non è solo importante per la relazione, ma è essenziale perchè imparerà quel linguaggio che solo un Cane potrà insegnargli, tanto da permettergli di diventare da adulto, un cane equilibrato e completo e a sua volta e a tempo debito diventare un buon insegnate di vita per altri cuccioli.

Questa volta mi sono occupata di Labrador, un confronto molto interessante. Questa esperienza mi ha dato un'ulteriore conferma, che non dovrebbe essere sottovalutata da chi ha l'intenzione di scegliere il Cane Lupo Cecoslovacco come compagno di vita, anche se stiamo parlando di cuccioli, noto un'abisso tra le due razze, ancora un volta ho la conferma che il Cane Lupo Cecoslovacco è un'animale sopra le righe, molto distante dal "Cane Comune" senza togliere nulla alle altre razze.

Dico spesso che inventarsi un lavoro è molto facile,  ma tra il dire e il fare ci sta sempre di mezzo il mare.
Tutti possono giocare a fare l'allevatore, ma pochi saranno buoni allevatori. 

Vi lascio alle consuete immagini...
Buona visione










































Per chi fosse interessato al programma di socializzazione Intraspecifica-Interspecifica e Ambientale può scrivere a info@sulleormedellupo.it oppure telefonare a 340 - 5664388.

Foto: Autore Katia Verza
Soggetti: Cucciolata Honeydark-labradors
Materiale coperto da COPYRIGHT.


Nessun commento:

VISITE ....

La mappa dei nostri Visitatori