giovedì 19 febbraio 2015

QUANDO IL GIOCO DIVENTA POSSESSO.


Il gioco è una forma di apprendimento, tutti gli animali compreso l'uomo impara giocando.
In Natura il Gioco ha lo scopo d'insegnare al cucciolo di lupo quella abilità richiesta nella caccia. L'uccisione di una preda, balzare addosso, appostarsi, mordere per gioco, sono tutte attività che insegnano l'arte della caccia.
Comportamento che noi possiamo vedere nei nostri cuccioli, anche se alcuni di loro non diventeranno mai dei cacciatori.

Ma i cuccioli non giocano solo per imitare la caccia, l'uccisione della preda fantoccio, o appostarsi per fare gli agguati, i nostri cuccioli attuano anche il gioco per "COMPETIZIONE e DOMINANZA".

Chi è allevatore, oppure chi ha vissuto questa esperienza anche di una sola cucciolata, avrà assistito di sicuro, piccole "risse giocose", oppure avrà visto "contendersi" un oggetto cercando di portarlo via all'altro pretendente, una tipica simulazione canina del "gioco del tiro alla corda", simile a quella che l'uomo attua come gioco con il proprio cane.

Il vincitore di questo tiro alla fune, si aggiudica il premio e se lo porta in un angolo sicuro dagli altri fratelli.

In questa foto possiamo vedere Sheila, che dopo esser riuscita a sottrarre il gioco a Bella si rintana dentro il tubo, per giocarsi e rimarcare la sua posizione gerarchica alla contendente.
Questo tipo di attività, non cessa una volta nella nuova casa, ma continua anche con i nuovi compagni bipedi, dopo un'ambientamento iniziale.
Quindi di certo vi capiterà di vedere il vostro cucciolo, prendere un oggetto o un vostro oggetto, per poi andarlo a portare in un angolo al sicuro (dentro la propria cuccia, sotto il letto, dietro il divano). Più "premi" riuscirà ad accumulare, più aumenterà la sua auto stima.

Non tutti i cuccioli manifestano questo tipo di atteggiamento, mentre altri "SI".
Per questo occorre non cadere nell'errore di lasciare troppi giocattoli al cane, soprattutto se questo mostra chiari segni di POSSESSIVITA'. 

Se non si educa in modo corretto il nostro cucciolo "possessivo" nel modo giusto, potrebbe una volta adulto, mostrare segni di aggressività verso i bambini, gli ospiti, o ancor peggio verso il proprio detentore.

Sarebbe cosa saggia da parte dei proprietari, che in possesso di un cucciolo o cane adulto con la predisposizione verso la dominanza, si evitassero quei giochi che stimolano la COMPETIZIONE, e se il padrone non vuole rinunciare a questo tipo di gioco, consiglio vivamente di NON FAR VINCERE IL CANE.

Io personalmente ho sempre evitato il gioco fisico e competitivo con i miei soggetti, dovete sapere che, se il cane vince, voi perdete di LEADERSHIP. Altra cosa da non dimenticare mai è che IL CANE NON GIOCA PER PARTECIPARE MA PER VINCERE.

Alcuni sostengono di uscire vincitori da queste competizioni ludiche ( gioco tipico il tiro alla fune, o tira e molla), affermando di lasciare l'oggetto conteso alla fine del gioco, ma vi pongo una domanda: "Ma se lasciate il gioco al cane, chi è che vince VERAMENTE voi o il cane???.

Giusto domenica, ho tenuto una lezione con tre cuccioli di 3 mesi, 2 femmine di CLC e una femmina di Akita Americano.
Le due piccole CLC, Bella e Sheila si contendevano in modo vivace dei pupazzi, la vincitrice non lasciava il gioco ottenuto, dopo una contesa vivace alla avversaria. Ripeto la domanda: "Se un cucciolo non lascia il premio ottenuto all'avversario, perchè il partner umano dovrebbe lasciarlo?" . Questo dovrebbe far riflettere.

Di fronte ad un cucciolo o un cane adulto particolarmente dominante, dovranno esser tolti tutti i giochi (RISORSE), tranne una, con la quale dovrà esser premiato, soltanto quando voi lo deciderete. Questo è un buon sistema se inserito in un buon contesto educativo, per promuovere la vostra posizione gerarchica, all'interno del vostro nucleo famigliare.

Anche se, io onestamente sono convinta che un BUON LEADER NON DOVREBBE MAI GIOCARE CON IL PROPRIO CANE. Ricordatevi sempre che l'uomo gioca per divertimento, ma il cane gioca per VINCERE.

Osservate quando un cucciolo prende il suo gioco e inizia a scuoterlo, non fa altro che metter in pratica (simulazione) della tecnica di uccisione. Se voi giocate in modo fisico (gioco del tira e molla) con il vostro cane, state dando l'opportunità al vostro cane di testare la vostra forza, dandogli l'occasione di promuoversi ad un rango superiore al vostro, questo prende ancora più valore, se il cane riesce a vincere o a trattenere il gioco in bocca.

MA SE IL CANE RUBA GLI OGGETTI DI CASA?

In generale i cuccioli, possiedono una grande vitalità, molto spesso questa vitalità, l'esprimono con l'esplorazione, corse sfrenate, gioco, zuffe, rubare oggetti, scavare, cercare, tutte quelle azioni che possono portare insegnamenti.
Quando si decide di acquistare un cucciolo, bisogna esprimere coerenza ed equilibrio nell'educazione che noi gli impartiamo, senza sbilanciarsi ne in troppe e malsane attenzioni, o in troppo poche.

Il cucciolo, deve avere il giusto sfogo, se no indirizzerà la sua energia su altro, anche su noi stessi.
Ci sono cuccioli, che pur di avere la nostra attenzione arrivano a diventare dei propri ladri professionisti, ovvero arrivano a rubarci quegli oggetti che noi tendiamo a manipolare con una consueta quotidianità (scarpe, ciabatte, carica batteria del telefono, telefono, telecomando televisivo, spazzolini da denti e così via).
Come molto spesso accade, ci ritroviamo a rincorrerlo per riprenderci il mal tolto, può capitare che durante l'operazione di recupero, il cane inizi a ringhiarci, oppure a serrare ancor di più la bocca, può anche capitare che arrivi anche a morderci.
Questo tipo di comportamento, da parte di un cucciolo è solo un AFFERMAZIONE del suo RANGO nei nostri confronti.

Con il furto dell'oggetto, il cane ottiene le seguenti cose:
1- trova un gioco da mettere in atto
2- trova la nostra attenzione
3- noi ai suoi occhi ci trasformiamo in un giocattolo
4- innalza il suo status rispetto a noi.

Continuare a promuovere questo suo atteggiamento accettando il gioco che lui ci propone, corriamo il rischio di compromettere la nostro ruolo sociale nei suoi confronti. Inoltre cosa da non dimenticare, c'è sempre da ricordare che: la SUA BOCCA SI MUOVE MOLTO PIU' VELOCEMENTE delle nostre mani, procurandoci non poco dolore se ne veniamo a contatto.

COME FARE???

Occorre non lasciare in giro i nostri oggetti, non lasciare troppi giochi o risorse a disposizione del cane, se decidiamo di lasciargli un gioco, occorre lasciargliene solo uno, e quel gioco deve essere usato come ricompensa per un'azione da noi voluta.
Occorre non abbandonarlo a se stesso ma coinvolgerlo nel quotidiano, facendogli fare la giusta socializzazione ambientale e intraspecifica, dove lui possa sentirsi cane e dare sfogo ai suoi istinti naturali, così facendo non gli permetteremo di sfogare su di noi la sua vitalità e la sua voglia di competizione.
Un'ultimo consiglio, se siete incerti sul come agire, cercate un parere da una persona qualificata e competente nel settore.

Vi ricordo un'altro articolo interessante UN BUON LEADER GIOCA CON IL PROPRIO CANE???

Ora vi lascio alle immagini dei cuccioli in azione.







Al posto di giocare in modo fisico/contatto consiglio un gioco, dove venga promossa la collaborazione tra uomo e cane.
Il gioco di attività mentale oltre a servire a creare il RAPPORTO/FIDUCIA serve anche per portare alla calma quei cuccioli particolarmente agitati.
Piccoli problemi da risolvere in cambio di una ricompensa.
Gli esercizi iniziano in modo semplice, per aumentare il grado di difficoltà.
Il vantaggio di questa attività se fatta bene, l'uomo non rischia di danneggiare la sua Leadership/Rango agli occhi del cucciolo.


























E' importante che il cucciolo una volta a casa, continui a lavorare sulla socializzazione intraspecifica, questo per permettere al cane di continuare ad ripassare attraverso l'attività ludica quanto appreso dalla madre e dai fratelli. 
Nel caso questo non fosse stato possibile all'interno dell'allevamento per varie ragioni, questa attività diventa ancora più importante per recuperare il tempo perduto, superati i 3 / 4 mesi di vita, la socializzazione intraspecifica se non è avvenuta secondo in modo appropriato  potrebbe compromettere la socializzazione con altri coinspecifici una volta che il cucciolo è diventato adulto, e quindi rendere la gestione del proprio cane difficile in presenza di altri cani.
Inoltre il gioco, ha lo scopo principale di far sfogare le energie del cucciolo nella giusta direzione, permettendoci di non perdere di Leadership/Rango ai suoi occhi.
Noi dobbiamo sempre ricordarci il nostro RUOLO.
































La comunicazione diventa completa se il nostro cucciolo impara a interagire con più razze e non solo quella di appartenenza.












Per chi si sta avvicinando all'idea di prendere un cucciolo, o per chi vuole migliorare il rapporto con il proprio cane ad Aprile 2015 inizierà il corso:
PATENTINO del BUON CONDUTTORE

DESCRIZIONE DEL CORSO:


PER INFORMAZIONI O ISCRIZIONI 
scrivere a:


oppure



Foto Autore: Katia Verza
Le immagini sono coperte da COPYRIGHT 
VIETATA la riproduzione intera o parziale senza l'Esplicito consenso da parte dell'Autore e la citazione dello stesso.

Nessun commento:

VISITE ....

La mappa dei nostri Visitatori