giovedì 23 aprile 2015

I CANI SECONDO ME .... LINGUAGGIO CANINO - COMPETENZE/ISTINTO

In questi giorni, mi è capitato di leggere una discussione che trattava di "COMPETENZE CANINE".
Sono sincera, mi viene un pò da ridere, quando leggo che i Cani hanno delle "competenze", e mi viene ancora di più da sorridere, quando guardo i miei CLC la cui  unica "competenza" è quella di testare la mia "posizione sociale" all'interno del branco, ogni qual volta che io molli l'osso.

Ma cosa significa competenza???

COMPETENZA: Compito/Mansione.
L'Essere Competente: perizia, abilità, cognizione, esperienza in un dato campo, in una determinata attività.

I termini Competenze-competente, sono diventati di uso comune, sia nella formazione, che nell'orientamento, ma sembrerebbe che non ci sia un'accordo, per il quale si presta ad un'unica interpretazione.

La parola "competente" significa; "capace di svolgere bene un determinato compito o professione". Con questa parola, si ha la chiara intenzione di "valorizzare quello che quella figura sa fare, indipendentemente da come lo ha appreso".
Si valorizza l'apprendimento, non inteso come il conseguimento di un titolo di studio, conseguito attraverso un percorso formativo/studio.

Quando io (persona), penso ad una competenza, come prima cosa penso ad una figura che, in autonomia, senza alcun comando mette in atto una serie di azioni, che lo portano a svolgere un determinato lavoro/azione/operazione in modo unico e competente. Ma qui stiamo parlando di un Essere (uomo) che sa controllare il suo Istinto.

Noi applichiamo questo concetto al Cane.

ORA, il Cane riesce in autonomia a controllare il suo ISTINTO?
Ma cosa è l'Istinto???

L'Istinto è composto da una serie di comportamenti automatici i quali non sono il frutto ne dell'Apprendimento ne di una scelta personale/individuale.
L'Istinto ha un rapporto piuttosto inflessibile con ciò che si desidera e a cui punta, difficilmente si ottiene soddisfazione da un oggetto diverso da quello desiderato, ancora meno nell'eseguire un comando che ci porta lontano dalla fonte del desiderio.
L'istinto punta alla soddisfazione dei propri bisogni quali: fame, sonno, sesso, accoppiamenti (riproduzione) territorialità, predatorio, esplorazione (gli ultimi 4 per i cani). Appoggiandosi su schemi appresi tramite relazioni continue tra il soggetto e l'ambiente (stimolo).

Nell'essere umano, la caratteristica tipica dell'azione istintiva è la mancanza di basi derivanti da esperienze passate, ma sembra essere un comportamento innato nell'animale, come se quell'azione fosse scritta nel proprio corredo genetico, (pensiamo alla migrazione di alcune specie di uccelli nessuno glielo ho insegnato, lo fanno per istinto).

Mi fermo e provo ad immaginare un cane, che conserva ancora l'essenza del vero cane (istinti), il quale mediante un percorso formativo (addestramento), oppure semplicemente attraverso le proprie esperienze ( relazione continua tra il soggetto e l'ambiente/stimolo), affina le sue "competenze/qualità", e le unisce all'istinto. Mi chiedo se a quel punto, l'uomo trovandosi di fronte ad un soggetto così, possa riuscire a controllarlo pienamente, facendolo ubbidire come una marionetta.

La cosa che NON ANDREBBE DIMENTICATA, che la RAZZA di appartenenza, fa un enorme differenza, senza contare che non tutti i cani possiedono lo stesso grado di intelligenza. Alcuni lo sono più degli altri, soprattutto quando ci si trova davanti a soggetti che si chiedono quanto VANTAGGIO avranno dall'eseguire quel comando. L'importanza della MOTIVAZIONE ha ancora il suo peso, e qui a mio avviso ci troviamo di fronte ad un soggetto particolarmente "intelligente", il quale ci darà di sicuro filo da torcere...

Buona Riflessione... 

Vi lascio alle consuete immagini di una lezione all'aperto, dove l'esperienza diretta con i propri coinspecifici e l'ambiente ha il suo peso sulla crescita esperienziale dell'animale.



























































































Foto Autore: Katia Verza
Le immagini sono Coperte da COPYRIGHT
VIETATO qualsiasi utilizzo intero o parziale senza l'Esplicito consenso da parte dell'Autore e la citazione dello stesso.

Nessun commento:

VISITE ....

La mappa dei nostri Visitatori