giovedì 28 gennaio 2016

GIOCARE CON IL NOSTRO CANE - CORSO: PATENTINO BUON CONDUTTORE 2° Liv.


Il Gioco negli animali è da tempo oggetto di studio da parte di psicologi ed etologi.

Se facciamo caso per i cuccioli, le zuffe, gli inseguimenti, il trascinare in giro oggetti, lo scavare, non hanno uno scopo ben preciso, le azioni sono mescolate insieme in modo disordinato.

Iniziano da una parte per poi esser distratti da altro. Certo il gioco può farsi serio nel caso un cucciolo faccia male non intenzionalmente ad un compagno di giochi, dando così via ad una zuffa vera e propria, ma questi si possono chiamare tranquillamente "imprevisti di gioco".

Nella prima fase di vita del nostro cucciolo, il gioco serve per acquisire tutte quelle informazioni che saranno necessarie alla vita adulta.

Il Gioco, in poche parole è una "forma di addestramento" alla futura esperienza di vita reale.

La Curiosità è alla base del gioco. La curiosità è quel meccanismo che spinge l'animale a sperimentare situazioni nuove. (curiosità + gioco = apprendimento Attivo).




All'inizio dell'apprendimento del cucciolo, notiamo che questo stimolo a imparare è incostante, un'attimo prima è attratto da un qualcosa, un'attimo dopo viene distratto, perchè nel frattempo è successo qualcosa di più importante, però man mano che il cucciolo cresce si nota che la sua curiosità e l'interesse per quella data "cosa" si intensifica e quindi il soggetto gli dedica molta più attenzione.




Questo vale, quando stiamo parlando di un "oggetto", tutto questo non ha nulla a che vedere con i giochi collettivi di gruppo.






I giochi di gruppo a differenza del gioco inanimato (con un oggetto) rimangono i più "instabili" anche perchè qualsiasi movimento, messaggio del compagno di giochi può inviare un nuovo stimolo, quindi si andranno a creare nuove situazioni ludiche.

E' chiaro che per il cucciolo non basta un'unico "giocattolo".
Il gioco con oggetti è molto importante per il nostro cucciolo, ma è altrettanto importante il gioco collettivo insieme ai suoi conspecifici.

Il gioco con gli altri cuccioli/cuccioloni/adulti gli insegnerà a convivere con i propri simili, e ad affinare i movimenti e a scaricare la sua grande energia. Impedirgli di esprimere la sua vitalità, si rischierebbe di avere un'eccesso di pulsioni/energie che lo porterebbero ad uno sviluppo scorretto.

Se si impedisce al nostro cucciolo di vivere questa esperienza, avremo in seguito un cane che non saprà comunicare o interagire con gli altri.

Anche un Bambino se gli si impedisce di relazionare con altri bimbi della stessa età, da grande non riuscirà a raggiungere uno sviluppo sano, precludendo così il suo inserimento nella comunità umana.

E' importante che il modello comportamentale del cucciolo si esprima senza essere represso, ovvero senza che l'uomo gli impedisca di muoversi, giocare, esplorare, apprendere.

Naturalmente anche l'uomo può contribuire a far si che il cucciolo impari a giocare in modo "sano", una volta giunto nel nuovo branco,  l'uomo deve imparare a giocare in modo corretto, capire il valore del gioco intrapreso e la sua utilità. Non dimenticando che il gioco che spicca per la maggiore nella vita del nostro cane è proprio il gioco della lotta e del confronto.




Da sottolineare che: la "lotta" non è un valore assoluto per il nostro cane, ma dobbiamo capire che il gioco alla lotta, per il nostro beniamino, non è solo Apprendimento per quanto riguarda la relazione con i propri conspecifici, ma è anche Apprendimento motorio, essenziale al rinforzo muscolare/tendini/articolazioni, serve anche per misurare la propria forza con il compagno di giochi. 
Fate attenzione che il cucciolo non misuri la propria forza con voi. Io sconsiglio caldamente i giochi basati sulla competizione fisica.

Il gioco, inizia con i salti, gli inchini, le zampate sul muso, rincorse, anche i ringhi fanno parte del gioco. Il ringhio di solito è chiaro e breve, nulla a che vedere con quello "arrabbiato" che ha un suono profondo e prolungato.

Il gioco cambia man mano che il nostro cane cresce, le mosse si fanno più rapide, precise e anche la forza fisica si intensifica.

Il nostro cucciolo impara a conoscersi, a conoscere le proprie possibilità, impara a valutare la propria resistenza e il proprio ruolo gerarchico all'interno di quel contesto e impara anche a valutare l'ambiente che lo circonda.

Il gioco è importante per la vita del nostro cucciolo, nella sua evoluzione naturale è previsto in modo graduale, partendo dal gioco infantile fino ad arrivare agli aspetti più seri della vita, come la formazione della gerarchia.

Ecco perchè per l'uomo è fondamentale capirne l'importanza per avere poi al suo fianco un cane equilibrato che l'accompagnerà per tutta la vita.



Ricordo le prossime date del 

CORSO
II LIVELLO 
PATENTINO BUON CONDUTTORE


5-6-20 Marzo 2016
7-8-15 Maggio 2016
5-6-13 Ottobre 2016



ARGOMENTI

Domesticazione ed evoluzione del cane
Perchè addomesticare il lupo?
Gli effetti della domesticazione 
Le funzioni del cane domestico
Attività Mentali: Emozioni, Motivazioni, Attivazione, Rappresentazione Mentale
I Bisogni primari del Cane
Teorie dell'Apprendimento
Che cosa è l'Apprendimento
Come avviene l'Apprendimento: A. Esposizione, A. Associativo, A.Osservativo
I sensi del cane, come percepisce lui il mondo?
Comunicazione: Tattile, Olfattiva, Acustica, Visiva.
Come approcciare: A. Corretto, A. Conflittuale
Risoluzione problemi: Tira al guinzaglio, Morde, Abbaia, Conduzione al guinzaglio.
Gli argomenti verranno divisi in tre giornate, 2 teoriche, 1 pratica.

Orario di inizio: ore 09.00 - 12.00 / 14.30 - 17.30
Location: Pavia
Costo: 130,00 euro

Il corso è aperto a TUTTI, resta inteso che l'attestato verrà solo rilasciato ai Partecipanti  che hanno aderito al Corso Patentino Buon Conduttore 1° LIVELLO.




Per qualsiasi informazione a riguardo scrivere a:


oppure a



Nessun commento:

VISITE ....

La mappa dei nostri Visitatori