venerdì 3 giugno 2016

ESCURSIONE A 4 ZAMPE SULLA VIA DEL SALE TRA IL PIEMONTE E LA LOMBARDIA

18 GIUGNO 2016

ESCURSIONE SULLA VIA DEL SALE 

TRA PIEMONTE E LOMBARDIA 




La Via del Sale

Il tratto che da Varzi si snoda fino a Genova, anticamente percorso da mercanti e pellegrini,  è denominato" via del sale " per il commercio di questa preziosa materia.
Oggi è un itinerario per chi ha voglia di qualcosa di insolito ed è un grande viaggio alla scoperta di diverse realtà locali.
Si possono ammirare chiese, castelli e borghi inseriti in un paesaggio dove tutto è rimasto come allora e percorrere sentieri che si inerpicano tra i boschi in cui capita di scorgere cervi, caprioli, scoiattoli…
La Via del Sale si può attraversare a piedi, a cavallo o in mountain bike.
Il trekking in Oltrepò Pavese presenta un fascino particolare; è un modo suggestivo per vivere una natura ancora incontaminata; per visitare luoghi inconsueti, ma ricchi di storia e, perché no, anche per gustare le specialità locali.

Il percorso non presenta particolari difficoltà da affrontare, anche se è da segnalare un certo dislivello di altitudine.
Si può dividere il percorso a tappe e sostare nei centri abitati che costeggiano le antiche mulattiere, ristorandosi nelle tipiche locande.

E ora, buon viaggio!


L’Antica Via del Sale

Con la definizione “Via del Sale” si indicano le antiche strade, le tante mulattiere, che in passato scendevano, attraverso l’Appennino, dalla pianura padana e dalle zone collinari dell’Italia settentrionale fino al litorale ligure. Queste antiche vie di comunicazione testimoniano l’importanza dell’Appennino nella vita delle antiche civiltà: attraversato dapprima dai Liguri Iriati, che circa tremila anni fa salirono verso la pianura per colonizzare nuove terre, divenne infatti nel XII secolo raccordo importantissimo con il porto di Genova. La città ligure infatti, superata Venezia nello smercio di prodotti provenienti dall’Oriente, rappresentò il centro commerciale più importante durante tutto il Medioevo.
Il nome di queste importanti vie di comunicazione e di scambio è legato a un minerale, il sale, di grande valore nel passato; questo elemento infatti era indispensabile nell’alimentazione e nella conservazione dei cibi. Il sale non era facilmente reperibile nelle regioni settentrionali ed era l’unico “strumento” a disposizione per stoccare, conservare e mantenere in buono stato molti cibi che altrimenti si sarebbero deperiti. Per questo a partire dal Medioevo fino al XV secolo la rete di percorsi e di sentieri dalla pianura al mare divenne tanto fitta ed importante.
Non esisteva un’unica Via del Sale, perché tutti i popoli delle diverse regioni delle Terre Alte percorrevano i sentieri presenti sul loro territorio per raggiungere il mare e per recuperare i tanti prodotti utili alla sopravvivenza vendendo i propri elementi di scambio, rappresentati soprattutto da lana e da armi.
La Via del Sale “lombarda”, considerando nel particolare il territorio dell’Oltrepo pavese, si addentrava nella Valle Staffora all’altezza di Voghera e raggiungeva agevolmente l’abitato di Varzi. Di qui in poi i sentieri e le mulattiere portavano verso Sud e, attraversando il Monte Bogleglio e il Monte Chiappo, giungevano prima al Monte Antola e poi a Torriglia. Da questo centro, punto di raccordo delle Vie del Sale emiliane, lombarde e piemontesi, il cammino continuava facilmente fino a Genova.
A partire dal Medioevo sino al XIV secolo il territorio appenninico pavese fu interessato dalle potenti famiglie feudatarie, prime fra tutte quella dei Malaspina; questi Signori, in accordo con la città di Pavia, intensificarono gli scambi commerciali, garantirono il flusso delle merci e imposero un sistema di tasse e di gabelle per il passaggio lungo in loro territorio: le tasse venivano richieste ai viandanti in cambio di sicurezza e di protezione.
Proprio con l’apertura ufficiale di questa via verso il mare, Varzi diventò centro commerciale di grande rilevanza: da piccolo centro abitato divenne paese di grande importanza, arricchito di nuove costruzioni, dotato di castello e cinto da mura per offrire un sicuro albergo ai commercianti. Si moltiplicarono così i negozi, i magazzini e i depositi per le merci in transito, aumentarono i gabellieri per la riscossione dei tributi. Il sale rappresentò l’elemento di rilancio per il commercio di tutta la zona.







Le foto sono di questo inverno, ma descrivono piacevolmente il posto e la quota.


WORKSHOP TEORICO/PRATICO sulla gestione del cane in un'ambiente naturale, tenuto dall' E.C.A.A Katia Verza.

Argomenti:

  • Socializzazione Intraspecifica
  • Socializzazione Interspecifica
  • Socializzazione Ambientale
  • Capire il linguaggio corporeo del cane mediante la comunicazione tra coinspecifici 
  • Capire il ruolo del cane all'interno di un gruppo sociale.
  • Capire gli istinti
  • Esercizi / Rinforzo Cane Uomo (il gioco della ricerca)
  • Risposta alle vostre domande.
Costo della giornata Euro 30,00 per i binomi (chi accompagna il binomio la partecipazione è gratis).
Costo Uditore Singolo Euro 10,00.
Per i tesserati la giornata vale due bollini.

Cosa portare:
Mangiare al sacco, abbigliamento da trekking (a causa del tempo instabile consiglio giacca a vento/impermeabile).
Mangiare cane, Acqua per il cane. Il cane deve essere condotto con un guinzaglio regolamentare non guinzagli Flexi. Deve indossare sia il collare che la pettorina (se non si possiede la pettorina non importa).

DOVE TROVARSI:

Ritrovo a Varzi (PV) per ore 10,00 per chi arriva da Milano, si percorrerà da qui ancora un 40' di strada fino all'arrivo del sentiero dove lasceremo le macchine e proseguiremo a piedi.

Per chi arriva dalla Liguria:
Arrivando dalla Liguria dall'autostrada su esce a Vignole borbera, bisogna poi risalire tutta la val borbera in direzione capannette di pei/capannette di cosola, arrivati in cima si prende al contrario direzione pian dell'arma/cegni dopo circa 2km passato pian dell'arma spiazzo sulla dx e sentiero che sale sulla sx.
45' di strada per raggiungere il sentiero dall'uscita dell'autostrada. 

Per le iscrizioni scrivere a:

Nessun commento:

VISITE ....

La mappa dei nostri Visitatori